due giornaliste (alle prime armi) e il loro modo di vedere la rassegna continentale

17/06/08

LAAP - Lega Anti Abbandono dei Perrotta

triste, annoiato e asciutto. forse si è sentito così simone perrotta, eroe di berlino con sangue calabro nelle vene quando è stato abbandonato in un anonimo autogrill viennese dal clan azzurro. a prescindere dal fatto che chiunque abbia fatto nella sua vita una gita fuori porta conosce l'assioma: "ognuno controlli il suo compagno di posto". ora mi chiedo, chi era, cosa faceva e perché nessuno ha dato l'allarme quando simone perrotta non era sul bus dell'italia. immaginate, perrotta senza conoscere una parola di tedesco, dimenarsi per trovare la pattuglia più vicina di polizei, o peggio fare l'autostop mostrando la muscolosa coscia. voglio dire, se già di per sé essere abbandonati all'autogrill è un incubo per ogni essere umano al mondo, fantasticamente descritto dall'antipatico silvio soldini in pane e tulipani quando licia miglietta viene abbandonata dal bus che va a san giovanni rotondo in un oscuro autogrill campano, pensate cosa devono essere gli autogrill austriaci. questo popolo triste, grigio e tedioso che compare in cronaca solo per il nuovo fidanzato-film-talk show-profumo-rutto di natascha kampusch (premessa io e resta non abbiamo nulla contro la tenera natascha, ma almeno parlo per me, quest'attenzione mediatica folle per chi è già stato privato della cosa più dolce che c'è nella vita non farebbe del bene a nessun essere umano al mondo, in primis natascha kampusch) o per il festival di innsbruck. adesso che avete focalizzato il modello austriaco, focalizzate come potrebbero essere gli autogrill nel paese alpino. già mi vedo le facce tetre della gente che beve il suo triste caffè, ma siccome il consumismo non ha bandiera né credo, qui puoi trovare ogni sorta di bendidio con marchio sacher o il pupazzetto di rex che fa wof wof. ora perrotta - che si sa è calabrese - si è intrattenuto un secondo di troppo non per cambiar el agua a los garbanzos, ma per comprare una stecca di cioccolato per la zia carmela, o per il cugino antonio. ora perché colpevolizzare un uomo solo perché è attaccato alla sua famiglia (allargata, non nella concezione settentrionale del termine)? è per questo che io e pina abbiamo fondato, la Lega Anti Abbandono dei Perrotta (LAAP), perché se non si condivide- giustissimamente - l'abbandono dei cani in autostrada - a morte tutti quelli che sono i VERI animali - perché si dovrebbe essere favorevoli all'abbandono di un campione del mondo. certo, se fosse stato zambrotta....tutta un'altra storia!

....................
perrotta affannato dopo aver rincorso invano il pullmann azzurro


Le immagini del Perrotta Abbandonato scattate dagli austriaci e pubblicate dalla Gazzetta dello Sport

3 commenti:

LR ha detto...

Beh, l'ultima battuta è presa dalla Gialappa's (come facciamo spesso), ma effettivamente dopo la paperaccia dell'altro giorno Zambrotta ispira al suo abbandono. Però mo' viene al Milan, mi ci devo pure affezionare mannaggia la pupazza.
Povero Perrotta, con quel suo nasone da Pimpa... gli verranno anche le macchie arancioni?

Anonimo ha detto...

meraviglioso questo retroscena,
da uomini duri che non devono chiedere mai.
stupendo.
povero perro...
baci gra

LR ha detto...

Ora che mi ci fai pensare, grà, perro in spagnolo vuol dire cane, perciò lo hanno abbandonato, bastardi!